Associazione Nazionale Professionale e Sindacale - Federazione Gilda-Unams............................................................................................................... |

19 maggio 2015: presidio contro DDL scuola a Milano

Oggi pomeriggio i docenti di Milano e provincia parteciperanno ad un assemblea sindacale indetta dai sindacati scuola: CGIL SCUOLA, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA, FGU, SNALS, con presidio davanti alla Prefettura, corso Monforte angolo via Vivaio, dalle ore 14,30 alle ore 17,30.

Volantino presidio

27 febbraio 2015: Convegno FGU a Palazzo Isimbardi, Milano

Si è svolto venerdì 27 febbraio presso Palazzo Isimbardi a Milano, il Convegno organizzato dalla Federazione Gilda-Unams della regione Lombardia.

Grande affluenza di partecipanti, ottimi relatori e interessante dibattito.

" Cari/e colleghi/e,
 desidero ringraziare chi di voi è intervenuto al nostro Convegno 'La buona scuola fa bene alla scuola', organizzato dalla FGU Lombardia venerdì 27 febbraio a Palazzo Isimbardi, a Milano - così scrive la Coordinatrice Regionale FGU Valeria Ammenti rivolgendosi a coloro che hanno partecipato - e a tutti gli iscritti e i simpatizzanti che hanno scelto di impegnarsi in un momento di riflessione che restituisse ai colleghi, a ridosso delle elezioni RSU, la cifra del nostro impegno, che non riguarda solo istanze immediatamente rivendicative, ma che ha l'ambizione di partecipare al dibattito sugli indirizzi di politica scolastica, senza pregiudizi, ma senza sconti.

E' un'ambizione importante che concorre a differenziarci dal sindacalismo tradizionale, di più: abbiamo l'ambizione di rappresentare un'avanguardia capace di 'dire parole nuove' o perlomeno diverse perchè libere e queste proprio perchè vogliamo essere professionisti avvertiti che partecipano al dibattito politico culturale del Paese, e non travet che subiscono i discorsi altrui."

Continua Valeria Ammenti " Credo che l'altissima partecipazione, 250 persone a fronte di un centinaio atteso, che ci ha obbligato a cambiare sala e a trasferire i convenuti in tempi brevissimi, dia la misura del bisogno di insegnanti e operatori della scuola di essere protagonisti del dibattito che li riguarda, al di là della (finta) consultazione che il Governo continua a propagandare attraverso i media di regime (regime apparentemente soft, ma tanto più pericoloso quanto subdolo).

Nel convegno si è parlato di scuola a 360 gradi con la partecipazione di relatori di altissimo profilo: Rino Di Meglio, Coordinatore Nazionale della Federazione Gilda-Unams, Gianluca Bocchi, Ordinario di Filosofia della Scienza dell'Università di Bergamo; Adolfo Scotto Di Luzio, docente di Storia delle Istituzioni scolastiche ed educative, Storia della Pedagogia e letteratura per l'infanzia presso la facoltà di Scienze della Formazione dell'Università degli Studi di Bergamo; Gianluigi Dotti, docente di Italiano e Storia presso l'Istituto Lunardi di Brescia e responsabile del Centro Studi della Gilda degli Insegnanti; Sen. Maria Mussini ( Gruppo Misto, presentatrice della LIP ( Legge di Iniziativa Popolare  della scuola; Stefano Golfari, giornalista televisivo - conclude Valeria Ammenti - l'on. Chimenti (M5S ) intervenuta al dibattito con un contributo video-registrato."

GILDA TV ha realizzato otto video, trasmessi in streaming, che potete rivedere clicccando qui:

https://www.youtube.com/user/angeloscebba

 

Conferenza stampa delle OO.SS. Lombarde 11 novembre 2014

Oggi 11 novembre 2014 le OO.SS. Regionali FLC-CGIL, CISL-scuola, UIL-scuola, FGU-Gilda, SNALS hanno invitato gli organi di stampa e televisivi ad una conferenza stampa per comunicare i motivi della loro assenza all'incontro del 12 novembre, all'ITC Zappa di Milano, in cui sarà presente la ministra Giannini nel tour di presentazione della "Buona Scuola" del governo Renzi.

La Coordinatrice regionale FGU Lombardia Valeria Ammenti così commenta.

" Come OO.SS. lombarde abbiamo declinato l'invito dell'USR ad intervenire alla manifestazione di domani, 12/11/'14, al liceo Cremona di Milano, presente il Ministro Giannini. La proposta ci è parsa irricevibile perchè avremmo dovuto individuare tra noi un portavoce unico, che avrebbe dovuto esprimersi in un intervento contingentato di 3 minuti. Saremmo stati funzionali alla simulazione dell'ascolto, altrimenti detta "sceneggiata", attuata dal governo."

"Abbiamo risposto alla mancanza di ascolto reale convocando una conferenza stampa il giorno precedente l'arrivo del ministro per dire perchè non interverremo domani, per spiegare le nostre buone ragioni e i tanti rilievi critici che abbiamo sollevato, sia rispetto alla proposta su "La buona scuola", sia rispetto al decreto sulla stabilità, documenti che vanno letti incrociandoli tra loro per avere evidenza della mancanza di investimenti, che contraddice le dichiarazioni diffuse sui media dal governo."

"Abbiamo anche redatto un documento unitario -continua Valeria Ammenti - che abbiamo inviato alla direttrice dell'USR con richiesta di consegna al ministro."

" Durante la conferenza stampa e le interviste che ho rilasciato come coordinatrice regionale della FGU ho denunciato sia la mancanza di confronto tra il governo e gli stakeholders, sia la relativizzazione degli insegnanti che sono professionisti dell'educazione. Ho messo in evidenza la matrice autoritaria del documento che si realizza non solo nei contenuti ( esemplare l'esortazione a trasmettere "modi di pensare"), ma anche nella forma: quadro epistemico predeterminante.
Più che " ascoltare", il governo ed il ministro vogliono "farsi ascoltare", in un ottica di autoreferenzialità politica che concorre a sostanziare la matrice autoritaria cui ho accennato."

Prosegue Ammenti:" Non solo, il giudizio sulla prassi mi ha obbligato a considerare che quando Grillo propone sondaggi online predefiniti viene tacciato di populismo, quando le stesse prassi pratiche sono proposte dal governo si tratta di "democrazia diretta"... mi sembra che si sia fermi al vecchio doppiopesismo.
Ho poi osservato come il documento del governo sia anche permeato di "nuovismo", che è cosa ben diversa dall'innovazione dichiarata; l'innovazione riguarda le tante buone pratiche diffuse nella scuola italiana, pensate ed attuate dagli insegnanti, che avrebbero potuto essere monitorate, raccolte, diffuse.
Penso alle esperienze del M.C.E., alle scuole all'aperto, alle scuole senza zaino, alle flipped classroom, alla programmazione di Papert ( altro che il "coding"), ma anche, perchè no?, alle lezioni frontali proposte da insegnanti illuminati, quelli che ti cambiano la vita perchè ti fanno sentire che la cultura rappresenta un patrimonio collettivo ed una risorsa individuale, nel senso raccontato da Recalcati nel suo "L'ora di lezione".
Tutto questo avrebbe probabilmente potuto essere scritto nel documento del governo se fossero stati interpellati ex ante gli insegnanti, che la scuola la fanno tutti i giorno, e non i funzionari del ministero e/o partito che la scuola la conoscono solo perchè vengono nominati dai politici di turno nei gangli decisionali del ministero ( e ogni riferimento ai portaborse figli d'arte è dovuto). 

" Non abbiamo bisogno di inventare nulla, ma di far emergere e condividere ciò che già c'è e che ha consentito e consente alla nostra scuola di essere una buona scuola " - conclude Valeria Ammenti - " E' solo la perdurante mancanza di risorse e di finanziamenti adeguati che rischia di trasformare la buona scuola in una scuola "alla buona"

Documento unitario "La buona scuola - Facciamo crescere il paese"


Assemblea sindacale del 17 ottobre 2014

 

Venerdì 17 ottobre 2014, si è svolta presso l'istituto Besta, via Don Calabria, a Milano, una partecipata assemblea sindacale territoriale rivolta ai docenti della scuola dell'infanzia e primaria, indetta dal nostro sindacato Cossma.

Dai numerosi, puntuali, indignati e appassionati interventi sono emerse le criticità della riforma Renzi.

all'assunzione dei precari
No a reperire risorse tagliando su scatti d'anzianità e bloccando il contratto
all'organico funzionale
NO alla "banca ore" in cui il docente diventa solo un "vigilante" 
Sì a scatti d'anzianità
No al"patentino punti" per scatti di competenza
ad una valutazione docenti scientifica e obiettiva da organismo esterno qualificato
No ad valutazione interna del DS e pochi noti, pericolosa deriva clientelare
ad un aumento di docenti e personale scolastico nel fututo Consiglio d'Istituto
No ad un ampliamento dei poteri dirigenziali del DS
ad una contrattazione d'istituto o di reti di scuola
No ad un aumento di ore di docenza non previste dal contratto
ad un portale unico in cui far confluire tutti i dati personali (stipendi, carriera, titoli) 
No al registro dei "bravi" e dei "cattivi" con assunzione diretta del DS
ad una scuola che trasmette saperi e forma il senso critico
No ad una scuola al servizio delle
aziende

A conclusione l'assemblea si impegna a partecipare alla consultazione on line #labuonascuola esprimendo consenso e dissenso sulla base delle competenze ed esperienze acquisite nello svolgimento del proprio ruolo docente.

Partecipa anche tu al sondaggio: comunica i tuoi SI' e i tuoi NO!

Firma per sbloccare il contratto e per gli scatti d'anzianità!

 

http://labuonascuola.gov.it

http://www.sbloccacontratto.it/scuola 

Foto 1 2 3 4 5

Avviso convocazione nomine a tempo indeterminato

In data 3 ottobre  e con nuovo avviso (errata corrige) del 4 ottobre, l'USP di Milano, in "comunicazioni", ha pubblicato la convocazione ed il calendario per le assunzioni a tempo indeterminato del personale docente INFANZIA, PRIMARIA, I E II GRADO a.s. 2014/15 per scorrimento graduatorie permanenti in seguito a rinunce e a ridistribuzione contingente assegnato a graduatorie esaurite, decorrenza giuridica 1/9/2014 ed economica 1/9/2015.

AVVISO CONVOCAZIONE

CALENDARIO CONVOCAZIONI